Quanto durerà questo Partito Democratico?

Leggendo l’articolo di Peppino Caldarola sul Giornale di questa mattina, ho risolto un enigma che mi ponevo da tempo. Se il Pd in definitiva abbia offerto alla politica italiana qualcosa di nuovo. La risposta è stata negativa. Anche la presunta unificazione, in un partito, delle due componenti interessate all’incontro tra marxismo e cattolicesimo, caro al sentimento di ineluttabilità di Aldo Moro, e che ha coinvolto i post comunisti ed i post confessionali cattolici italiani, sa tanto di antico.

E’ emerso il vecchio compromesso storico, inseguito da anni in piena prima repubblica e bloccato solo con la tragica scomparsa dello Statista cattolico. Lo stesso che è stato pensato allora per sbancare il tavolo della democrazia e mettere fuori gioco sia il socialismo riformista che il liberalismo pragmatico dello Stato necessario. Il nuovo partito è simile all’equilibrio sostanziale tra la maggioranza a centralità democristiana e l’opposizione a centralità marxista del vecchio consociativismo.

La particolarità si rispecchia soltanto nella riflessione che, con il venir meno del centralismo democratico dell’esperienza marxista, il nuovo partito è stato influenzato maggiormente dall’aspetto tattico della vecchia Dc, dove e quando non si risparmiavano munizioni nella lotta intestina, per compattarsi subito dopo in presenza della divisione degli spazi di potere.

La presenza all’interno di anime teoricamente così differenti, da sembrare persino del tutto inconciliabili impone, oggi come imponeva allora, il metodo dell’immobilismo nell’attività propositiva del partito e la chiusura culturale alle riforme ed alle novità in genere. Contava allora, come conta ora, più ciò che si lasciava intendere di ciò che si faceva. La politica delle parole, cara a Veltroni, anziché la politica dei fatti.

Il PD è un puzzle dove le tessere si scompongono su ogni questione, per ricomporsi solo al sopraggiungere della necessità dell’unità strumentale per conquistare il proprio spazio di interdizione. La forza di ciascuno consiste solo nella sua capacità di poter impedire. E’ un campo di battaglia dove la tensione si avverte a naso. Veltroni acquista consenso solo se riesce a dividere. La sua forza è in definitiva solo quella sua debolezza che lo mantiene in vita. “Sulla carta – sostiene Caldarola – più il Pd si divide in ex Ds ed ex Popolari, con altre correnti di contorno, più il segretario può sentirsi in sella. A meno di un patto doroteo fra diessini e popolari che lo butti per aria, la nuova divisione nel Pd lascia un po’ di tempo da vivere, politicamente, a Veltroni”.

Tutti sono di passaggio, a parte che nel cammino della vita, anche nell’impegno politico, ma per Veltroni i suoi passaggi sono caratterizzati soltanto da rappresentazioni  prive di contenuto. E’ come se in un teatro il sipario si aprisse dinanzi ad una scenografia maestosa per sfarzo e luci, ma senza che il protagonista abbia poi mostrato di saper ben occupare la scena. Una comparsa. Solo una semplice comparsa! Quanto fugace si vedrà: per ora ha solo compiuto un anno.

Anche il governo ombra del PD è piuttosto un governo in ombra. E’ sterile, inutile ed inconsistente; è privo della fisionomia rigorosa che, invece, la serietà del momento richiederebbe.

Il Pd si è spaccato persino sulla manifestazione del 25 ottobre, su cui invece Veltroni ha puntato giocandosi anche le carte del dialogo e del confronto con la maggioranza. La manifestazione avrà successo solo se riuscirà a mobilitare l’antiberlusconismo militante, Di Pietro, girotondini e sinistra alternativa compresi. Saranno, però, sempre coloro che non  hanno votato e non voteranno Pd a decretare il successo o meno dell’iniziativa. Il collante sarà sempre il solito, ma perdente, prodotto.

Per raccattare questa gente, Veltroni ha chiesto sostegno alla base ed al sindacato della Cgil e si è mostrato disposto ad ogni genere di linguaggio, anche il più aspro. Da Alitalia ai contratti nell’industria il leader Pd è andato via, via  alla ricerca dei toni esasperati per accreditarsi credibile, rincorrendo Di Pietro ed i centri sociali e facendo ricorso ad ogni doppiezza e strumentalizzazione. Sono tornate le polemiche su fascismo ed antifascismo, sono emerse le accuse di puntinismo; si è arrivati a strumentalizzare gli immigrati e lanciare accuse di razzismo. Veltroni ha speculato persino sull’ultima crisi finanziaria.

Quanto durerà questo Partito Democratico? Questa si che è una bella domanda!

 

Vito Schepisi  su l’Occidentale

 

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , ,

2 Risposte to “Quanto durerà questo Partito Democratico?”

  1. nicola ricupito Says:

    Quanto durerà? Io non lo so. Ma la storia della sinistra m’insegna che lo sport preferito della sinistra è quello di logorare il proprio leader. Ricordate quando si formò l’Unione? Era il 1996, Prodi vinse e subito si cominciò a dire che non era adeguato, a Palazzo Chigi andò D’Alema e un minuto dopo si pensò che era impossibile andare con lui alle successive elezioni; venne sostituito da Amato ma subito ci si mise a cercare un candidato alternativo, si candidò Rutelli, che gestì un’altra faticosa rimonta, ma dopo la sconfitta bisognò rimpiazzarlo, tornò Prodi e, con Prodi appena eletto, si è nominato Veltroni come leader del PD che annuncia che la coalizione non c’è più.
    Cosa ci insegna questa storia? Ci insegna che a sinistra non ci sono IDEE, ed allora si “creano” le persone che, mettendoci la faccia, creano consensi.
    Ci insegna inoltre che, se non sarà oggi, il redde rationem arriverà alle
    Europee, quando il ritorno della concorrenza della Sinistra Arcobaleno, il
    crescente ingombro di Di Pietro e l’assenza del voto utile porteranno il PD a un risultato talmente basso che a Walter toccherà salutare tutti.
    Queste sono solo avvisaglie di un qualcosa che ad oggi, a meno di clamorosi capovolgimenti di fronte, sembra già scritto, in quanto oggi il PD non sembra avere proprio uno straccio di idea per contestare le proposte altrui, figuriamoci provare anche solo a presentarne di proprie.
    E’ ovvio che, in questo scenario, nessuno dei concorrenti all’interno del PD
    ambisce ora a scalzare Veltroni, nè a creare scenari nuovi. Dopo le Europee…….

  2. vitoschepisi Says:

    E’ un’analisi che condiviso. Buona serata. Vito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: