Il PD schizofrenico e depresso

E’ serrato il dibattito nel PD sulla fisionomia del Partito, sulla collocazione nelle grandi famiglie della democrazia europea, sulle scelte strategiche dell’opposizione e sugli uomini. 

In un anno sono successe tante cose ed il quadro si è modificato completamente. Resta però uguale la grande confusione della scorsa estate, quando non esisteva ancora il PD e le componenti maggioritarie dell’Unione si apprestavano a fondare il nuovo soggetto politico. Si ebbe allora l’impressione che sorgesse, non per un comune sentire e per l’individuazione di una matrice politica in cui riconoscersi, ma solo per l’ambizione di creare un grande partito unico della sinistra e, per interessati calcoli elettorali, il primo partito italiano per consistenza numerica.

Per questa ragione il PD è parso più come una somma di influenze correntizie che come un grande partito riformista. Più uno strumento elettorale compromissorio tra cattolici di sinistra e post comunisti che una svolta matura di matrice liberale e progressista.

L’operazione che si voleva che emergesse dalla base per un nuovo modo d’essere sinistra moderna e democratica, sul solco dell’omonimo Partito Democratico degli Stati Uniti, naufragava di fatto nel più tipico dei verticismi. Si misuravano col bilancino ruoli e poltrone e si creava un apparente investitura democratica intorno alla figura del leader indicato dai vertici, Walter Veltroni.  Con l’espediente delle primarie, con Prodi oramai fuori gioco e con assoluta mancanza di diverse alternative possibili, Veltroni veniva “nominato” segretario del PD. Persino Bersani era stato invitato a non presentare la sua candidatura. Una democrazia apparente. Le primarie si celebravano così, come una mera formalità, per mancanza di credibili candidature contrapposte.

Non è in questo modo che si forma un leader politico. Anche un brocco prevale in una competizione con i cavalli da traino. In questo modo si finisce invece col bruciare i potenziali leader politici, facendo perdere loro la necessaria autorevolezza.

Per la seconda volta, dopo l’investitura di Prodi, la sinistra aveva ripercorso la stessa strada di far calare dall’alto il leader designato dai potentati politici con lo scopo di vincolarlo alle macchine dei partiti e delle lobbies di riferimento.

Come allora, quando grande assente era la politica, mentre si diffondeva la crisi della sinistra riformista con la sua incapacità di elaborare proposte per affrontare le difficoltà del Paese, anche oggi grande assente a sinistra è sempre la politica.

C’è una manifesta incapacità di svolgere opposizione propositiva. La sinistra italiana non riesce ad uscire dall’abitudine al no pregiudiziale e rivela la sua incapacità di trovare spazi di confronto e di dialogo sulle iniziative del Governo e del Parlamento. Sembra che ci sia una barriera ideologica eretta per mancanza di cultura pluralista. In larghi strati della sinistra si manifesta una sorta di complesso di inferiorità verso coloro che sposano le soluzioni sbrigative ed autoritarie. Quasi una sindrome Di Pietro.

Sono due le cose che in questa realtà preoccupano:

la prima fa riferimento alla mancanza di una opposizione in grado di essere credibile come alternativa – cosa che deve essere considerata  essenziale per una democrazia liberale compiuta;

la seconda attiene, invece, al dialogo sulle riforme dello Stato e della Costituzione.

E’ diventata, infatti, indifferibile l’esigenze di procedere alla scrittura delle nuove regole che sanciscano i principi della democrazia, della sovranità popolare, dell’esercizio e del controllo dei poteri. E’ improcrastinabile l’esigenza di adeguare la Costituzione Italiana sia ai mutati scenari proposti da una democrazia parlamentare consolidata, che alla necessaria velocità dei percorsi decisionali nell’era del “tempo reale” e della “globalizzazione” che coinvolge  informazione, produzione, mercati e fenomeni economico-sociali in genere.

“Il tempo del “ma anche” è scaduto” – afferma Arturo Parisi – unico che nel PD non mostra ritrosia nella critica a Veltroni. Ma non è solo questione del “ma anche”  perché mancano persino i concetti da accomunare, manca del tutto una linea politica ed uno spazio su cui muovere i passi della proposta politica alternativa. E senza una proposta politica, cioè senza un indirizzo verso cui dirigersi si cammina a vuoto e si sprecano inutilmente energie.

E’ il caso della campagna della raccolta di cinque milioni di firme per “salvare l’Italia”. Un’iniziativa contestata da diverse personalità del PD e che non ha senso perché l’opposizione, che è parsa pregiudiziale,  alle iniziative di questo governo è intesa invece dagli italiani, come indicano i sondaggi di diversa provenienza, come una incomposta reazione tesa ad impedire che l’identità e l’autorevolezza del Paese vengano recuperate. Quasi il volere un’immagine irrimediabilmente compromessa della Nazione. C’è una immaturità democratica ed una mancanza di spirito nazionale che spinge a compromettere gli interessi dell’Italia pur di far prevalere un giudizio negativo sulle azioni di governo.

Salvare l’Italia! Ma salvarla da cosa? Gli italiani nella scorsa primavera hanno votato per la coalizione di centrodestra per salvare il Paese dal declino in cui Prodi lo stava conducendo.

I “ma anche” di Veltroni non sono stati ritenuti credibili dalla maggioranza degli elettori. E non è stata ritenuta credibile una sinistra riformista che, con i suoi ministri e sottosegretari e con i suoi leaders, non si era mostrata capace di varare riforme ma, al contrario, era parsa impegnata solo ad ostacolarne il percorso. Non è stato ritenuto credibile questo PD che ripresentava i volti arcigni ed intolleranti di biechi conservatori appartenenti ad una casta impegnata nella gestione dei poteri che in Italia si annida imperturbabile da decenni e che svilisce l’operosità ed il coraggio di lavoratori ed imprese.

Invece di raccogliere le firme per “salvare l’Italia” il PD potrebbe impegnarsi a capire le ragioni della sua sconfitta

Ha ragione Arturo Parisi quando afferma che “il PD da schizofrenico sta diventando depresso”!

Vito Schepisi

http://www.loccidentale.it/articolo/al+pd+la+raccolta+di+firme+serve+per+salvare+se+stesso%2C+non+l%27italia.0056372

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , ,

4 Risposte to “Il PD schizofrenico e depresso”

  1. Walter P. Says:

    Salve, mi contatteresti all indirizzo nightwisher89ita@hotmail.it ? Vorrei farti partecipe di una iniziativa di blogger wordpress 😉

  2. vitoschepisi Says:

    Ciao! Ti ho inviato con una mail il mio indirizzo di posta elettronica e resto in attesa di conoscere i contenuti della iniziativa di blogger wordpress. Cordiali saluti. Vito S.

  3. spacepress Says:

    Ciao Vito,
    Cosa poteva fare di più Veltroni? Dopo lo strazio del Governo Prodi che ha fatto la politica di rimanere a galla “a tutti i costi”, cercando a destra ed a sinistra il voto che gli mancava per stare in posizione verticale e con gli Italiani che giorno per giorno gli cantavano il “de profundis”, (Cavaliere in testa) Veltroni ha solo potuto raccogliere i resti del Governo di Prodi, unirli insieme, e formare un grande blocco di politici eterogenei che si guardavano in cagnesco pronti a prendersi dalla gola alla minima occasione. Una volta che Veltroni ha raggiunto un certo risultato elettorale – perchè riunire tante teste non è impresa facile, (e che teste!) tutto sommato apprezzabile, i politici che stavano dentro in stato di avanzata compressione, sono scoppiati e son venuti fuori al “naturale” con i risultati delineati nel tuo ottimo articolo. Hanno usato Veltroni per detronizzarlo. Certo, la riconoscenza non è una virtù di questa terra. Per fortuna che Tu lo hai capito. La depressione è il minimo che poteva capitare. Ci penserà Di Pietro a risollevarlo!!!!!….

  4. vitoschepisi Says:

    Caro Fernando penso che Di Pietro stia rendendo vano il progetto di Veltroni di creare in Italia una sinistra democratica e riformista. E l’errore non è di Di Pietro ma di Veltroni che lo ha preferito a Boselli. Veltroni, pur con i suoi limiti e per la sua formazione, ha capito che il progetto europeo e la rapida sprovincializzazione anche della politica per la velocità dei processi in tutti i campi dall’informativo, al produttivo, al commerciale, richiede decisioni rapide e semplificazione dei meccanismi del consenso. Prima tra tutti a sinistra il cinefilo ha capito che andava ripresa la legge costituzionale sui poteri dello Stato e sulla diversificazione delle camere, sul premierato e sugli strumenti di Governo. Per le elezioni anticipate ha voluto o dovuto anticipare i tempi e per la fretta si è persino circondato di uomini che gli hanno recato più danno che benefici. Si è portato insieme lo sciame dei ministri e sottosegretari del precedente governo che invece andavano cassati in massa dalle attività politiche nel nuovo partito e se non avesse rinunciato, per dignità, avrebbe candidato pesino Prodi. Non è risultato credibile e bisogna dire che non poteva essere altrimenti! Ora l’errore più grave che può fare è quello di assecondare Di Pietro e di mostrare di temerlo e considerarlo un concorrente. Nessun moderato democratico, nessun liberale, seguirebbe Veltroni che insegue Di Pietro. A mio avviso ha già indugiato molto e gli converrebbe aprire ad una stagione di dialogo e di aperture alle riforme. Ha bisogno di farsi riconoscere come opposizione democratica e scollegata dalle tradizioni di un vecchio partito ideologico. Ha bisogno di farsi riconoscere come artefice del cambiamento e capace di condizionare la maggioranza. Riuscirà a farlo? Io ho qualche dubbio! Ciao! Vito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: